Terminale Carta myPOS - Lettore di carta di credito mobile
Blog di myPOS Suggerimenti

Passo dopo passo come ottenere una licenza per un’attività di venditore ambulante

In Italia, nel mondo del commercio, è ancora viva la tradizione dei mercati e delle bancarelle, che sono legate alla figura del venditore ambulante.

Oggi essere ambulante vuol dire appartenere a tante categorie, vi sono infatti venditori ambulanti legati al cosiddetto mondo dello street food, ambulanti legati al mondo della moda, artigiani, ed anche librerie itineranti.

I passaggi per ottenere una licenza variano a seconda del settore e anche dal luogo dove si vuole vendere (città o regione). Per informazioni più precise, l’Agenzia delle Entrate è il luogo dove consigliamo di richiederle.

In generale, però, i documenti che servono sono i seguenti:

  1. Autorizzazione alla vendita della Agenzia delle Entrate.
  2. Certificazione Fiscale
  3. Licenza commerciale della Camera di Commercio
  4. Licenza di Venditore Ambulante

Per la vendita esistono due tipi di Autorizzazioni alla vendita, Tipo A e Tipo B.

Differenze tra Autorizzazione Tipo A e Tipo B

  • TIPO A o anche chiamata Posteggio Fisso, che prevede la concessione decennale da parte del Comune dell’utilizzo dei posteggi nelle aree destinate al mercato. In più vi è la  possibilità di partecipare alle fiere che si svolgono su tutto il territorio comunale.
  • TIPO B Rilasciata dal Comune di residenza, consente la vendita itinerante e ambulante sul tutto il terrirorio nazionale nelle fiere, nei mercati ma solo sui posteggi non assegnati a titolari fissi.

Il processo amministrativo sino all’aperture della Partita Iva

Non si deve credere che siccome si è venditori ambulanti ed itineranti, si sia esenti da qualsiasi regola amministrativa, burocratica e fiscale.

Specialmente se si vuole rimanere nello street food, quindi vendere cibi e bevande, ci sono requisiti aggiuntivi e si va incontro a molta più burocrazia.

Viene richiesta infatti, l’iscrizione alla Camera di commercio industria artigianato agricoltura, attestato di frequenza di un corso professionale sul settore alimentare oppure diploma di scuola alberghiera, oppure certificato che attesti di aver lavorato in un’azienda alimentaria, rispettare tutti I requisiti igienico sanitari imposti dal Ministero della salute.

E solo dopo aver compiuto con tutti questi requisiti si dovrà aprire la Partita Iva recandosi presso l’Intendenza di Finanza.

Quanto guadagna un venditore ambulante

I guadagni dei venditori ambulanti variano a seconda del prodotto che si vende, dal luogo in cui si vende ed anche dalla città.

Ci sono infatti città che sono organizzate per la vendita degli ambulanti altre un pò meno e quindi anche i guadagni scendono.

Ultimamente ciò che permette ai venditori di avere maggiori guadagni sono le innovazioni, ad esempio vendono molto di più quelli che si muovono in biciclette con carretti per la città offrendo leccornie tipiche del luogo, e che offrono la possibilità ai loro di clienti di poter pagare nel modo in cui loro più preferiscono, quindi quelli che sono dotati di dispositivi POS.

Afferra tutte le opportunità di pagamento

Con myPOS puoi soddisfare i tuoi clienti accettando la loro modalità di pagamento preferita.

Tutti i pagamenti ricevuti con myPOS possono essere immediatamente utilizzati nel modo che preferisci, come utilizzare denaro contante.

MyPOS fornisce ai commercianti dispositivi POS mobili che li aiutano a ricevere pagamenti senza contanti e aumentare il loro fatturato mensile.

Condividi questa foto:

Post associati