Terminale Carta myPOS - Lettore di carta di credito mobile
Blog di myPOS Notizie

Legge di Bilancio 2020 e pagamenti elettronici

Cosa introduce la Legge di Bilancio 2020 nel sistema italiano?

Delle grandi novità, soprattutto inerenti ai pagamenti elettronici. Se sei alla ricerca di maggiori informazioni riguardanti la legge di bilancio 2020 e il pagamento con il POS, allora ti consigliamo di rimanere sul nostro articolo!

Quali saranno le misure contro l’evasione fiscale?

Le normative che saranno alla guida del nuovo anno fiscale sono all’insegna del digitale. Tutto sarà elettronico, telematico e soprattutto tracciabile nella speranza di ridurre al minimo l’evasione.

Questo significa che l’evasione fiscale sarà ridotta ai minimi, nella speranza di eliminarla completamente.


Cos’è la legge di Bilancio?

Partiamo capendo insieme cosa sia la legge di bilancio e come mai sia così importante.

Il 23 Dicembre 2019 la legge di Bilancio 2020 è stata approvata, insieme al Decreto Fiscale e al Documento Programmatico di Bilancio.

La legge di Bilancio è il momento economico più importante per il bilancio di un Paese, in quanto è da tale manovra economica che dipendono i conti pubblici per l’anno che verrà e gli obiettivi finanziari da proseguire nei successivi 3 anni.

Legge di bilancio 2020: bonus POS

Per incentivare i commercianti all’utilizzo del POS, il governo ha stanziato un fondo per erogare un credito d’imposta teso ad alleviare i costi delle transazioni alle diverse attività commerciali.

Il bonus POS, che sarà destinato alle imprese che hanno un fatturato annuo di massimo 400.000 euro, sarà erogato con un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni applicate alle transazioni elettroniche da parte delle banche, in poche parole gli esercenti avranno la possibilità di recuperare una parte dei costi pagando meno tasse.

Tracciabilità detrazioni mediche 2020

La manovra finanziaria distingue due casi differenti:

  • Obbligo di tracciabilità di tutte le spese che è possibile portare in detrazione fiscale attraverso la dichiarazione dei redditi per il 19% dell’onere sostenuto.
  • L’obbligo non include le spese che riguardano farmaci, strumenti medici, spese sanitarie che vengono sostenute presso delle strutture pubbliche o private. Per queste spese vi sarà ancora la possibilità di pagare con il contante.
È importante sottolineare che le casistiche sono sempre diverse, ad esempio, una visita effettuata da uno specialista richiede pagamento tracciabile.

Per questo motivo, ai contribuenti è consigliato e richiesto di valutare caso per caso per non vedersi negare il diritto allo sconto fiscale.

Nonostante via sia una buona organizzazione, molti medici non sono ancora dotati di POS, inoltre, si dovrà comprendere come documentare la modalità di pagamento.

Per questo motivo, restiamo in attesa di istruzioni più chiare da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Misure premiali per i pagamenti elettronici

Come anticipato, la normativa dell’anno fiscale si baserà principalmente sulla digitalizzazione. Il fine principale è contrastare definitivamente l’evasione fiscale nei settori che sono più a rischio.

Tra le novità troviamo un bonus erogato in qualità di rimborso in denaro a favore delle persone fisiche, maggiorenni e residenti in italia, che effettuano abitualmente acquisiti di beni/servizi con strumenti di pagamento elettronici. 

Entro la fine di aprile verrà emananto un decreto del Ministero dell’Economia che darà attuazione alla misura e ne regolerà le procedure di accesso.

Lotteria degli scontrini: chi riguarda

Cos’è la lotteria degli scontrini e a chi si riferisce?      

La lotteria scontrini partirà il 1luglio 2020, per partecipare bisognerà richiedere un determinato codice lotteria sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Chi pagherà con carte o bancomat avrà molta più probabilità di vincita. Si tratta di una lotteria facoltativa, si parla di somme che vanno dai 10.000 fino ad 1 milione di euro.

Secondo il Governo, la lotteria scontrini incentiverà i consumatori a richiedere lo scontrino fiscale ai rivenditori.

In questo modo si limiterà l’evasione e si aiuterà a mantenere le transazioni sotto controllo e monitorate.

Chi potrà partecipare alla Lotteria scontrini?

Potranno partecipare alla lotteria degli scontrini le persone maggiorenni, residenti in Italia e che effettuano degli acquisti di servizi o beni fuori dall’esercizio della loro professione.

Qual è l’obiettivo principale della lotteria degli scontrini?

L’obiettivo principale è quello di contrastare il più possibile l’evasione fiscale, incoraggiando i consumatori a richiedere il rilascio degli scontrini.

Lo scontrino elettronico

Dal 1° gennaio 2020, il commerciante è tenuto ad emettere degli scontrini elettronici attraverso il registratore di cassa telematico. Inoltre, non sarà più tenuto ad emettere ricevute fiscali cartacee ai clienti.


A cosa serve l’introduzione dello scontrino elettronico?

Lo scontrino elettronico rende molto più attenti e accurati i controlli fiscali.

Per le autorità, risulterà molto più semplice individuare gli evasori fiscali.

Lo scontrino elettronico dev’essere inviato attraverso il Registratore di cassa telematico, ovvero uno strumento gestito dall’Agenzia delle Entrate.

Si tratta di un vero e proprio cambiamento nel mondo del commercio e rappresenta un modo valido ed efficace per monitorare i pagamenti.

Per le attività commerciali sarà necessario adeguare i registratori standard passando a dei registratori telematici.

Per effettuare questo passaggio è previsto anche un contributo statale per un massimo di 250 euro nel caso di acquisto e 50 euro nel caso di adeguamento.

Nel caso in cui il commerciante non sia ancora riuscito ad acquistare i nuovi strumenti, sono previsti sei mesi di moratoria delle sanzioni.

La scadenza è il 30 giugno 2020, dopo questa data sarà obbligatorio essere in possesso di un Registratore di cassa telematico.

In questo modo, il Fisco avrà sempre a disposizione tutti i dati riguardanti le vendite e quelli relativi al calcolo dell’Iva e non sarà più necessario conservare le copie di documenti commerciali che vengono solitamente rilasciati ai clienti.

Tra queste anche le copie delle ricevute fiscali e così via.

Riduzione soglie contanti

Tra le disposizioni che incentivano i pagamenti attraverso POS troviamo la riduzione delle soglie consentite per i pagamenti  in contanti.

A partire dal secondo semestre dell’anno vi sarà la possibilità di pagare in contanti fino ad un massimo di 2.000 euro. Dal 2022, non si potrà superare la soglia di 1.000 euro.

Tutte queste novità spingerannoi consumatori verso un maggiore utilizzo degli strumenti elettronici per i pagamenti.

Sicuramente, l’introduzione della lotteria degli scontrini può essere un modo per avvicinare il consumatore al pagamento tramite carte o bancomat.

Condividi questa foto:

Post associati