Terminale Carta myPOS - Lettore di carta di credito mobile
Blog di myPOS Suggerimenti

Come affrontare la discriminazione IBAN

Al fine di armonizzare il panorama dei pagamenti e della finanza europea, sono stati introdotti vari regolamenti e atti legislativi sia a livello UE che nazionale con l’obiettivo di standardizzare i pagamenti e garantire un accesso agevole per milioni di persone del SEE e dell’EFTA.

A volte, tuttavia, questo panorama di pagamento può essere difficile da navigare con terminologie complesse, gergo giuridico difficile o mancanza di chiarezza su dove ti trovi.

Ecco perché, e alla luce di questo, è importante conoscere i tuoi diritti e cosa fare se sono stati violati.

In questo post sul blog, discutiamo la questione della discriminazione IBAN e cosa fare se ti trovi in questa situazione.

Ma prima, diamo un’occhiata più da vicino a ciò che un IBAN è.

Che cos’è un IBAN?

Un IBAN è un acronimo che sta per International Bank Account Number.

È composto da un massimo di 34 caratteri alfanumerici che identificano in modo univoco un singolo conto presso un istituto finanziario specifico in un determinato paese.

Questo, in teoria,rende “raggiungibili” tutti i conti all’interno della SEPA, almeno da parte dei fornitori di servizi di pagamento negli Stati membri.

Ecco come è strutturato un IBAN:

  • Carattere 1-2: Codice paese
  • 3-4: Due cifre di controllo
  • 5-12: Numero di conto bancario nazionale
  • 13-22: Numero di conto (o informazioni di routing)

Che cos’è SEPA?

Discutere la discriminazione IBAN senza introdurre SEPA nell’equazione sarebbe inutile.

Allora, cos’è SEPA?

SEPA sta per Single Euro Payments Area e al 20 luglio 2020 è costituito da membri dell’Unione europea, i quattro Stati membri della European Free Trade Association (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera),[1]), Andorra, la Città del Vaticano, Monaco, San Marino e il Regno Unito (fino al 31st dicembre 2020, a meno che non venga raggiunto un accordo) – in tutto 36 Stati che sono membri della zona SEPA.


[1] La Svizzera è entrata in SEPA attraverso un accordo bilaterale con l’UE, mentre gli altri paesi dell’AELS sono entrati attraverso le loro adesioni al SEE.

SEPA è stata creata con lo scopo di introdurre procedure e norme uniformi per le operazioni di pagamento in euro nello Spazio economico europeo.

In effetti, forza i provider di servizi di pagamento ad armonizzare e “sincronizzare” i loro prodotti di pagamento in modo che siano accessibili a tutti gli altri partecipanti alla SEPA.

Il sistema di pagamento SEPA  è stato  introdotto per la prima volta nel 2008, ma  inizialmente funzionava parallelamente ai regimi nazionali di pagamento. Il 1 febbraio 2014, il programma SEPA    è stato completamente integrato in tutti i paesi dell’Eurozona. Da allora, il 99% dei trasferimenti in  euro  viene effettuato secondo le sue procedure.   

Di conseguenza, sia i pagamenti nazionali che i pagamenti transfrontalieri all’interno dell’UE dovrebbero essere liquidati secondo gli stessi standard e procedure.

Che cos’è la discriminazione IBAN?

Nonostante l’unificazione e l’armonizzazione prevista da parte della SEPA nell’UE  per i trasferimenti in euro, si sono verificati e continuano a sorgere casi di discriminazione IBAN.

Ma cosa comporta?

In breve, la discriminazione IBAN si verifica quando una società o un’istituzione all’interno dell’area SEPA  non accetta un IBAN  emesso da un fornitore di servizi di pagamento con sede in qualsiasi  altro paese membro della SEPA e richiede l’immissione di un IBAN a partire solo dal codice paese nazionale di uno stato specifico (ad esempio DE, FR, ecc.) o richiede l’inserimento di un IBAN in formato nazionale (ad esempio un numero lungo di 32 caratteri).

Si tratta di una violazione dell’articolo 9 del regolamento SEPA (regolamento) n. 260/2012), che vieta il diverso trattamento (rendendo irrilevanti le  circostanze del paese di origine dell’IBAN) degli IBAN, a condizione che quest’ultimo sia raggiungibile attraverso il regime SEPA.

Come posso affrontare la discriminazione IBAN?

Fortunatamente, puoi ricorrere all’azione se sei stati oggetto di discriminazione come dal suddetto regolamento SEPA che è sotto la supervisione e soggetto alla supervisione finanziaria di varie autorità finanziarie.

Ci sono diversi azioni che puoi e dovresti intraprendere se affronti la discriminazione IBAN

Eccoti alcuni di essi:

  • È necessario innanzitutto informare la società o l’istituzione che si è rifiutata di completare il trasferimento che essi violano l’articolo 9 del regolamento SEPA.
  • Se non rispondono, invia un reclamo formale scritto.
  • In caso di ulteriore inosservanza, contatta l’organo di regolamentazione competente o l’autorità competente del tuo paese.
  • Informa myPOS inviando un’e-mail all’indirizzo help.it@mypos.com.

Per rendere le cose ancora più semplici, abbiamo preparato alcune lettere modello che puoi utilizzare quando affronti il tuo caso di discriminazione IBAN con la società e/o l’autorità interessate.

Modello: Reclamo formale a un’azienda

Caro signore/signora,

Il mio myPOS Euro-denominato IBAN [inserire il tuo numero IBAN] è un conto valido che supporta i pagamenti SEPA.

In base alla [data di inserimento], ho tentato di [fare/ricevere] una transazione nel conto di cui sopra, ma è stato rifiutato per il fatto che [inserisci il motivo che ti è stato dato]

Si prega di notare che la discriminazione IBAN è una violazione dell’articolo 9 del regolamento SEPA e il rifiuto di conformarsi sarà segnalato.

Confido che sarete guidati di conseguenza e vogliate autorizzare i miei dati nei vostri sistemi per consentire addebiti diretti e bonifici sul mio conto.

Cordialmente,

[Il tuo nome]

Modello: Denuncia formale all’autorità competente

Gentile Sig./Sig.ra,

Nonostante il mio formale reclamo scritto a [nome società] il [data], che troverete allegato, la società continua a rifiutare le transazioni al mio IBAN denominato in euro.

Come spiegato nel mio reclamo formale alla [società], alla [data di inserimento] ho tentato di [fare/ricevere] una transazione nel suddetto IBAN, ma è stato rifiutato in quanto [inserire il motivo per cui la società ha fornito].

Per quanto riguarda l’articolo 9 del regolamento SEPA, tale rifiuto costituisce una discriminazione IBAN e le sarei grato se lei volesse agire di conseguenza e procedere ad assistermi per ottenere un risarcimento in merito a tale questione.

Cordialmente,

[Il tuo nome]

Conclusione

Non vi è alcun motivo per cui dovrebbe essere impedito di effettuare o ricevere pagamenti all’interno della zona SEPA con il vostro IBAN, a condizione che quest’ultimo sia in euro. Tutti gli IBAN euro di myPOS sono raggiungibili tramite SEPA.

Qualsiasi pratica di questo tipo è considerata una discriminazione IBAN ed è contro la legge.

Se ti trovi vittima di tali pratiche, esegui i passaggi di cui sopra mentre cerchi una soluzione al tuo problema.

È importante conoscere i propri diritti e quali metodi di azione hai a disposizione per te in modo da non affrontare questo tipo di discriminazione ora o in futuro.

Condividi questa foto:

Post associati

Utilizziamo i cookie

Utilizziamo i cookie e altre tecnologie di tracciamento per ottimizzare il nostro sito e per fornire ai suoi visitatori informazioni mirate. Scopri di più

In alternativa, puoi gestire i cookie .